La Serie A e il Campionato Primavera

campionato-serie-a

La Serie A e il Campionato Primavera, che per ragioni di sponsor vengono chiamati ufficialmente Serie A Tim e Campionato Primavera Tim, rappresentano la prima la massima serie del campionato italiano di calcio a livello professionistico; e il secondo la competizione calcistica a livello giovanile più importante.  Entrambi sono gestiti dalla Lega Nazionale Professionisti Serie A e sotto il controllo e la supervisione della Federazione Italiana Giuoco Calcio, nota come FIGC.

La Serie A.

La Serie A nacque nel 1989 e vide la partecipazione di sole 4 squadre che si affrontarono in un quadrangolare che si svolse in un’ unica giornata con la vittoria del Genoa che divenne così la prima squadra campione d’Italia.

campionato-serie-a
Formula.

La Serie A in base ai coefficienti UEFA, che classificano le squadre partecipanti ai vari campionati, è attualmente il quarto campionato in termini di competitività. Tale parametro determina il numero di squadre ammesse alla partecipazione delle coppe europee: le prime 2 squadre della classifica finale accedono direttamente ai gironi della UEFA Champions League mentre la terza classificata dovrà superare i preliminari; la quarta sarà qualificata ai gironi di Europa League insieme alla squadra vincitrice della Coppa Italia, la quale nel caso fosse una di quelle già qualificate, cederebbe il posto dando la possibilità alla squadra giunta sesta di sostenere i play-off.

Le squadre giunte agli ultimi 3 posti alla fine della stagione, saranno retrocesse in Serie B. Tutt’oggi il campionato prevede l’opporsi di 20 squadre in un girone all’italiana con gare d’andata e di ritorno con l’obiettivo principe di laurearsi Campione d’Italia e vincere lo Scudetto, il simbolo della vittoria conquistata.

Così a partire dalla stagione successiva al trionfo, la squadra campione in carica ha diritto di cucire sulle proprie maglie e sfoggiare il celeberrimo tricolore scudato.
Negli anni il numero delle partecipanti al torneo è stato modificato più volte e sono stati sperimentati campionati con 16, 18, 20 e 21 squadre e anche l’assegnazione dei punti è passata da 2 punti per la vittoria a 3, mentre il pareggio ne garantisce 1 ciascuno e la sconfitta nessuno.

Il Campionato Primavera.

Il Campionato Nazionale Primavera, ribattezzato anche Trofeo Giacinto Facchetti, in onore del campionissimo e capitano della Nazionale italiana e dell’Inter tra gli anni 60 e 70; nacque nel 1962 per sostituire il Campionato Cadetti.

Formula.

Possono prendere parte al campionato le seconde squadre delle società che militano nei campionati di serie a e Serie B. Il torneo inizia a ottobre e termina a giugno e si divide in 2 fasi: la prima che risulta la stagione regolare, prevede un totale di 42 squadre divise in 3 gironi da 14 che si affrontano in un girone all’italiana; la seconda è quella dell’ eliminazione diretta composta dai play-off e dalla fase finale.

Ai play-off accedono 8 squadre, quelle giunte terze, quarte e le migliori quinte che si affrontano in un gara secca. Al termine verrà decretata la squadra Campione d’Italia Primavera.

I calciatori della primavera devono aver compiuto i 15 anni e non averne 19 nell’anno d’attività. Inoltre le società hanno la possibilità di schierare al massimo 4 fuori quota, di cui uno senza limiti d’età mentre gli altri 3 non devono aver compiuto 20 anni nell’anno d’inizo della stagione.

Fonte: Campionato Serie A