Milan-Inter: statistiche di uno scontro storico

Milan-Inter: le statistiche

Milan-Inter, rivalità storica dal fascino eterno

Milan-Inter è uno scontro storico che ha scritto alcune delle pagine più belle ed appassionanti del calcio, tenendo incollati a televisori, radio e giornali milioni di appassionati in tutto il mondo. La sfida Milan-Inter del 2017 si sta avvicinando e si svolgerà sabato 15 aprile.

Il cosiddetto derby della Madonnina, è una delle sfide più importanti del calcio italiano, ma non solo. La stracittadina milanese, infatti, rappresenta anche una delle eccellenze che questo sport riesce ad offrire a livello planetario.

La rivalità tra le due squadre risale all’alba dei tempi calcistici, quando 44 soci decisero di lasciare l’Associazione Calcio Milan, nata nel 1899, e fondare un’altra squadra cittadina, l’Internazionale Milano che avrebbe conteso la palma di squadra più prestigiosa della città lombarda ai cugini rossoneri.
Leggenda vuole che l’Inter, almeno nei suoi primi anni di vita, fosse la squadra dei borghesi di Milano, mentre il Milan era seguito soprattutto dalle classi popolari, ovvero quelli che i tifosi nerazzurri chiamavano “casciavìt” (‘cacciaviti’ in dialetto meneghino). Questi, a loro volta, denominavano “baùscia” (‘sbruffoni’) i sostenitori della neonata squadra rivale. Si tratta di tempi ormai lontani ma, anche da questi particolari, che appaiono remoti ai tifosi di oggi, si evince quanto Milan-Inter sia innanzitutto uno scontro storico ancor prima di essere un derby di altissimo livello.

Si tratta di una partita che ha segnato più di un secolo di storia del calcio regalando emozioni, immagini e gol indimenticabili, raccontati da documenti memorabili e da statistiche che immortalano in maniera molto meticolosa l’andamento e lo status di grandi club che le due squadre milanesi hanno ricoperto nel corso di tutti questi anni. Milan-Inter è una sfida eterna che si ripete in Italia, ma è riuscita a riproporsi più volte anche davanti al pubblico europeo, nelle due sfide di Champions League giocate tra il 2002-2003 e il 2004-2005, entrambe vinte dai rossoneri dell’allora tecnico Carlo Ancelotti. Ma questa è solo una delle statistiche che rendono grande uno scontro storico con pochi eguali.
Basti pensare che Milan-Inter è anche una delle sfide che propone da sempre un numero elevatissimo di campioni come Shevchenko, Kakà, Inzaghi, Ronaldo, Ibrahimovic e Adriano, e leggende del calibro di Rivera e Mazzola, Facchetti e Meazza. Senza dimenticare i grandi capitani del recente passato, bandiere come Paolo Maldini e Javier Zanetti che rappresentano, insieme a Totti e Del Piero, gli ultimi esemplari di campioni completamente fedeli alla maglia.

Milan-Inter, le statistiche

Il fascino dello scontro storico come Milan-Inter, però, non è raccontato solo dalle straordinarie prodezze dei campioni che lo hanno reso celebre. Anche leggendo le statistiche della stracittadina milanese, infatti, è semplice capire quanto sia sentito e teso uno scontro storico di tale portata. A partire dal primo, quello che seguì la scissione del 1909. Il 10 gennaio di quell’anno si gioca il primo derby di Milano, vinto dai rossoneri 3-2.

Da allora sono stati disputati 304 derby, di cui 217 in competizioni ufficiali e 87 in competizioni non ufficiali. Attualmente, il Milan è la squadra che ha vinto di più: 115 successi totali contro i 108 dell’Inter, che però è in vantaggio nelle competizioni ufficiali.
I nerazzurri hanno vinto 77 derby contro i 75 del Milan tra Serie A e coppe varie, segnando anche due gol in più (294 reti interiste contro 292 rossonere). I pareggi totali sono 81. Soprattutto negli anni post-Calciopoli, l’Inter ha recuperato terreno sui cugini: tra il 2007 e il 2010, i nerazzurri hanno vinto 6 derby su 8 disputati. Tuttavia, in questo scontro storico, è il Milan a detenere il record di vittorie consecutive: tra il 1910 e il 1913 i rossoneri si sono aggiudicati ben 9 stracittadine lasciando i cugini praticamente a secco di soddisfazioni. L’Inter, a sua volta, proprio dopo questo periodo nero, è riuscita ad ottenere 5 vittorie in altrettanti derby tra il 1913 e il 1915.

Milan-Inter, però, è anche sinonimo di gol. Anche in questo caso, la squadra rossonera è in testa: i rossoneri hanno messo a segno ben 456 reti contro i cugini, che ne hanno invece realizzate 432. Una delle vittorie più eclatanti, passate alla storia come una batosta incredibile per i nerazzurri, è lo 0-6 con cui il Milan di Cesare Maldini si impose l’11 maggio del 2001, grazie alle doppiette di Shevchenko e Comandini e ai gol di Giunti e Serginho che annichilirono la squadra di Marco Tardelli. Qualche anno dopo, nel 2010, l’Inter di Mourinho riuscì a vendicarsi contro il Milan di Leonardo con un secco 0-4, preludio allo storico triplete ottenuto dal tecnico portoghese alla fine di quella stagione.

Tra le altre statistiche, spiccano poi quelle che si riferiscono alle coppe europee. Nel 2002/2003 e nel 2004/2005, Milan-Inter è diventato uno scontro storico europeo a tutti gli effetti, col sorteggio della Champions League che ha messo per la prima volta le due squadre di Milano una di fronte all’altra sul palcoscenico dell’Europa che conta. Nella prima occasione, il Milan si aggiudica la semifinale grazie a due pareggi, 0-0 all’andata e 1-1 al ritorno con gol di Shevchenko e Martins che portano la squadra di Ancelotti alla finale di Manchester poi vinta contro la Juventus di Lippi ai calci di rigore. Nel 2004/2005, ancora Shevchenko e poi l’olandese Stam decretano il 2-0 con cui il Milan supera i cugini nell’andata dei quarti di finale. La gara di ritorno è vinta dai rossoneri a tavolino in seguito all’episodio del fumogeno lanciato dai tifosi interisti addosso al portiere brasiliano Nelson Dida.

Milan-Inter, scontro storico e calciatori storici

Milan-Inter è anche la sfida delle grandi leggende e dei grandi bomber. Tra questi, l’ucraino Andriy Shevchenko ricopre un ruolo di spicco nelle statistiche perché è tuttora il calciatore che ha segnato più gol nella storia del derby di Milano: ben 14 contro i 13 di Giuseppe Meazza che, tra l’altro, ha segnato con entrambe le maglie.

Tra le icone principali di Milan-Inter, le statistiche immortalano soprattutto il capitano storico dei rossoneri, Paolo Maldini, che è il giocatore con più presenze nei derby della Madonnina: ben 56 contro le 47 di Javier Zanetti, l’interista con più derby all’attivo, seguito da Beppe Bergomi (46). Ma questi sono solo alcuni dei nomi che hanno reso immortale lo scontro storico Milan-Inter che, nonostante i cambiamenti epocali che segnano società e campionati, resta una delle sfide calcistiche più avvincenti e affascinanti in assoluto.